Gabriella Capecchi - Maria Grazia Marzi et al.

I granduchi di Toscana e l’antico
Acquisti, restauri, allestimenti

2008, cm 17 x 24, viii-344 pp. con 78 tavv. f.t. di cui 16 a colori.

ISBN: 9788822258557

Add to «My wish list»
€ 40,00
 
  • About this book
  • Reviews (3)
  • Authors
  • Extra (1)

The first essay, by V. Saladino, deals with the restoration of ancient marbles in the Boboli Gardens, in the period 1587-1670, and the personalities employed by the Grand Dukes for this task. The second essay, by G. Capecchi, is on the statues of Dacian Prisoners, with an analysis of their value and importance in Rome and Florence. In the third essay M. G. Marzi traces the story of the collections of ancient painted vases owned by the Habsburg-Lorraine Grand-Dukes of Tuscany.

Gabriella Capecchi
Gabriella Capecchi è professore di Archeologia Romana presso l’Università di Firenze. Ai suoi studi sul territorio si legano articoli, cataloghi e mostre su Firenze e Pistoia romane. Ha dedicato saggi e monografie alla fortuna dell’antico dal Rinascimento al Novecento e del moderno commercio di antichità, e si è occupata delle sculture antiche delle raccolte gentilizie e granducali fiorentine.

Maria Grazia Marzi
Laureata in Lettere presso l’Università di Firenze con tesi in Archeologia e Perfezionamento in Antichità Classiche, Assistente alla Cattedra di Archeologia dell’Università di Firenze, Maria Grazia Marzi è Professore Ordinario di Storia dell’Archeologia presso la Facoltà di Lettere dell’Università degli Studi di Firenze. è membro dell’Istituto di Studi Etruschi e Italici e del Comitato Scientifico di Casa Buonarroti. Ha intrapreso in particolare ricerche sulle collezioni di antichità fiorentine e toscane, lavorando sia nei musei che negli archivi. Ha collaborato a mostre in Italia e all’estero. è stata coordinatrice di progetti interdisciplinari promossi dall’Università e dal Ministero dei Beni Culturali. (aprile 2014)

Vincenzo Saladino
Vincenzo Saladino è professore di Archeologia Greca presso l’Università di Firenze. Tra i suoi lavori scientifici più recenti si contano un commento archeologico a Pausania e studi su celebri statue antiche in bronzo. Ha curato mostre e cataloghi di raccolte di ceramica e sculture antiche.